arredis | Homestory
17180
page,page-id-17180,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.2,vc_responsive
 

Homestory

Casa L. // Bolzano

Bolzano, Alto Adige, ha aggiunto una nuova perla dalle forme eleganti al suo patrimonio edilizio.

Al terzo e ultimo piano di un edificio residenziale Arredis ha realizzato un progetto esclusivo distribuito su 220 metri quadrati.

Appuntamento in cucina

Entrando in quest’abitazione si passa per così dire direttamente in cucina, perché proprio nel momento in cui la porta d’ingresso si apre ci si ritrova al centro di un sogno che è diventato realtà per una famiglia bolzanina. E appena si è dentro tutto è chiaro: talvolta il legame tra funzionalità ed estetica è molto semplice. Uno spazio da vivere e abitare, vissuto appieno e mostrato liberamente, una cucina moderna che è il cuore della casa e che si compenetra con i restanti ambienti della casa, sottolinenando l’ospitalità dei padroni di casa – questo era il desiderio della famiglia proprietaria della casa. Linee geometriche pulite, ergonomia perfetta e ampi spazi per la passione culinaria della famiglia; ma la nuova cucina doveva avere un carattere unico, come del resto l’intera zona giorno.

Homestory-rettangolo1
Homestory11

Ed ecco allora che un blocco monolitico, bianco, essenziale, con piano cottura integrato, piani di appoggio e vani dove riporre di tutto, si erge come una scultura all’interno della stanza. Un grande pannello di copertura rende il blocco-cucina un vero trasformista. Basta infatti spostare il piano di lavoro per coprire lo spazio sottostante e in men che non si dica l’isola centrale si trasforma in un raffinato bancone. Quando è chiusa l’isola offre ampie superfici per la preparazione delle pietanze ma, a seconda delle situazioni, diventa anche un tavolo, una superficie di appoggio o semplicemente un oggetto decorativo, lasciando libero spazio per accogliere parenti e amici e chiacchierare in pieno relax. Dal punto di vista estetico l’isola centrale rappresenta la giusta fusione tra cucina e soggiorno e diventa ben presto il polo d’attrazione della spaziosa cucina.

Creare un arredo minimalista in una cucina non è affatto semplice perché in nessun altro ambiente della casa servono e si devono riporre tanti attrezzi come in cucina. In molte cucine pentole, tostapane, macchina del caffè, macchina del pane e altri attrezzi sono spesso fermi sui ripiani a prendere polvere. Arredis ha invece ideato una soluzione molto semplice per stivare i cibi e gli attrezzi di cucina: nei mobili che sfiorano quasi il soffitto lo spazio è stato infatti sin dall’inizio attentamente progettato su misura, suddividendolo in base alle esigenze della committenza. Una parte dei grandi armadi funge inoltre anche da parete divisoria tra cucina e soggiorno.

Homestory6

Un sapiente mix di stili

Per evitare comunque l’impressione di uno sterile spazio museale e dare invece vita a uno stile individuale, funzionale alla vita quotidiana della famiglia, antico e moderno si incontrano composti in tutta l’abitazione.  E allora accanto all’isola della cucina, dalle linee essenziali, ben al di là del triste arredo di serie, si trova un tavolo antico, accompagnato da antiche sedie in legno i cui schienali in pelle sono decorati con borchie rotonde, che rende la zona pranzo originale e autentica. I mobili vintage si inseriscono armonicamente accanto a pezzi di design e questa straordinaria soluzione d’arredo di interni prosegue nella zona giorno. Qui un mobile basso per TV e stereo, bianco e lineare, lì un divano con cuscini in stile patchwork, qua e là opere d’arte ma anche il fuoco scoppiettante nel camino invitano ad oziare, leggere, ascoltare musica, chiacchierare o festeggiare.

Assolutamente rilassati si passa alle camere da letto, ognuna dotata del proprio bagno. Rifugi in cui ritirarsi per trovare pace e farsi accarezzare dalla luce che penetra dalle ampie finestre. I comodi letti matrimoniali sono anch’essi in livrea bianca, proprio come l’alto armadio a tutta altezza con le ante scorrevoli che, una volta chiuso, pare fondersi con le pareti. I dettagli curati, come una morbida coperta in lana di colore grigio o un piccolo tappeto persiano, conferiscono un tocco di calore e comfort alle camere da letto.

Il design rigoroso, combinato alle belle cose antiche, si ritrova anche nei bagni annessi alle camere da letto e sottolinea l’attenta ricerca dell’elemento estetico in ciascun ambiente.

Qui le pareti di colore bianco naturale si armonizzano perfettamente con gli inserti in pietra e con le poche superfici rosso bordeaux e gettano un ponte tra i mobili di design bianchi e lineari e gli specchi barocchi. La parete divisoria in vetro cielo-terra della doccia conferisce ai bagni un’elegante leggerezza. Elemento affascinante che come un fil rouge attraversa tutta l’abitazione è invece il parquet realizzato con tavole larghe di noce che si armonizza gradevolmente con i tappeti antichi.

Homestory10

Sguardi verso l’interno e l’esterno

In tutta l’abitazione gli ambienti si fondono tra loro consentendo allo sguardo di spaziare indisturbato e offrendo la possibilità di comunicare liberamente. L’assenza delle pareti divisorie mette inoltre a disposizione maggiori superfici utili e grazie alle porte scorrevoli a tutta altezza, montate a filo parete, che aprono lo spazio verso il balcone posto a sud lasciando penetrare la luce del sole, le barriere tra l’interno e l’esterno sembrano svanire.

In questo appartamento a Bolzano, Arredis ha puntato su un concept dalle forme essenziali, i colori dimessi e pochi materiali selezionati. Il risultato è una soluzione di interni che è espressione di una sobria eleganza che è tutt’altro che ostentata. E quando un giorno i figli della coppia decideranno di essere indipendenti, l’abitazione si potrà dividere con pochi interventi in due appartamenti più piccoli. //

Homestory9